La Follia è sacra
...e non esisteva il giorno o la notte
fra i tuoi cumuli di dolore
hai riso alla vita
la stessa vita che ti ha graffiata
come un gatto selvatico
mentre tu facevi le fusa all'amore
accarezzando menti ottuse e cuori martoriati
tutte le tue verità dorate nei tuoi versi
come grappoli maturi alla vendemmia
nascondevano inebriati sensi
mentre loschi figuri, armati di ignoranza
hanno umiliato il tuo corpo e straziato la tua anima
hai combattuto contro draghi e fuochi millenari
nel silenzio che appartiene solo alla mente
ti sei fatta forte di poesia
...poesia che hai regalato ad un misero mondo
ti ho vista veleggiare fra strappati drappi
giocare di fioretto fra sacro e profano
come nobile cavaliere spoglio di corazza
ricca nel tuo seminare sentimenti e veracità
mi hai lasciato poco, nel mio egoismo
urlo al cielo: scrivi ancora!
mentre godo in terra della tua sacra follia...
a te Alda che cammini nelle orme della vita da lassù
guida menti eccelse a non perdere le tue...

Ma qui la morta poesì resurga (Dante)

Sigillo